1° Premio EFCA Future Leaders per miglior progetto ingegneria under-35

Grande soddisfazione per l’Italia e per l’OICE, l’Associazione delle società di ingegneria e architettura aderente a Confindustria, alla Conferenza Internazionale e assemblea generale dell’EFCA Federazione Europea delle Associazioni di ingegneria e consulenza dell’UE, di cui OICE è membro fondatore.

Il primo premio all’ing. Federico Foria, dell’associata OICE ETS Engineering, per il progetto infrastrutturale sulla ferrovia Andora-San Lorenzo, denso di difficoltà tecniche superate con l’utilizzo di MIRET Management and Identification of the Risk for Existing Tunnels

La giuria della competition “Future Leaders” ha infatti assegnato, per la prima volta per l’Italia, il primo premio all’ing. Federico Foria, dell’associata OICE ETS Engineering, per il progetto infrastrutturale sulla ferrovia Andora-San Lorenzo, denso di difficoltà tecniche superate con l’utilizzo di MIRET Management and Identification of the Risk for Existing Tunnels, un meccanismo che integra apparecchiature innovative, know-how tecnico e un approccio digitale. Secondo e terzo posto a candidati di Finlandia e Danimarca.

All’Italia anche due menzioni d’onore per Cecilia Pecoraro e Ilaria D’ Amore, rispettivamente di Artelia e di Italferr. La prima per il progetto del NOC National Oil Company di Benghazi, in Libia, e la seconda per l’Alta Velocità sulla Salerno-Reggio Calabria.
Il presidente OICE, Gabriele Scicolone, intervenendo ai meeting della Federazione, quest’anno ospitati dall’Associazione francese a Parigi, ha commentato il prestigioso risultato affermando che “i premi ricevuti dai nostri giovani ingegneria durante la conferenza EFCA dimostrano come l’ingegneria italiana sia un’eccellenza all’estero, apprezzata e valorizzata; è un segnale al quale il nostro legislatore ed il Governo devono guardare. Bisogna valorizzare l’ingegneria, non depauperarla o mortificarla con i massimi ribassi. Al contrario! Bisognerebbe pensare a meccanismi premianti per i migliori! Per un Paese come il nostro portare a casa un premio internazionale “giovani” su una materia come l’ingegneria infrastrutturale deve avere il risalto che merita per risvegliare un po’ di orgoglio nazionale”.

Da parte sua il vicepresidente di OICE, Roberto Carpaneto, membro per l’Italia del Board EFCA, ha dichiarato: “Il posizionamento e la forza dell’ingegneria e della consulenza italiane in Europa e nel mondo sono indiscutibili. Siamo terzi dopo USA e Cina per numero di società che producono fatturato fuori dai confini nazionali. Siamo molto felici di questo riconoscimento ottenuto in Francia e del nostro ruolo sempre più efficace nelle varie Commissioni tecniche della Federazione e nei rapporti con l’UE”. L’Assemblea di Parigi ha segnato anche l’indicazione della nuova presidente eletta, la spagnola Ines Ferguson. Dalla crisi Ucraina, ne esce più forte il Mediterraneo, con l’Italia e la sua ingegneria sempre più protagoniste.

Locating the bores so they didn’t interfere with the building footprint was another challenge. The team successfully located 27 of the bores outside the footprint, with the remaining four bores falling underneath the building. Locating most of the bores outside of the building footprint kept the project on schedule, and limiting the number of bores beneath the foundation mat slab meant less impact to the deep foundation excavation activities.

The nearest neighboring building was just 15 feet away from the bore drilling. To mitigate disruption to abutting neighbors, our team distributed a two-week look ahead schedule and logistics plan every week to the neighboring buildings. Suffolk also posted regular updates on the project website to keep neighbors informed about upcoming drilling activities and held multiple Town Hall meetings with students and faculty who live and work near the site. These Town Hall meetings gave abutters the opportunity to become familiar with the project, meet the team and ask questions.

Locating the bores so they didn’t interfere with the building footprint was another challenge. The team successfully located 27 of the bores outside the footprint, with the remaining four bores falling underneath the building. Locating most of the bores outside of the building footprint kept the project on schedule, and limiting the number of bores beneath the foundation mat slab meant less impact to the deep foundation excavation activities.

Tags

What do you think?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *